Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.

Home / Il Blog di Kerirko sulle meraviglie della fermentazione / Kombucha miti e leggende da sfatare

Kombucha miti e leggende da sfatare

Il kombucha, una bevanda a base di tè fermentato con una storia che risale a migliaia di anni fa, ha acquisito nel tempo una serie di malintesi, miti e leggende da sfatare. Qui parleremo di alcuni di essi.Il Kombucha è una bevanda fermentata molto popolare conosciuta per le sue numerose qualità. Contiene antiossidanti che combattono i radicali liberi dannosi, supportano la disintossicazione naturale e promuovono un intestino sano attraverso batteri benefici. Inoltre, è facile da preparare a casa, permettendoti di sperimentare sapori e tempi di fermentazione godendo dei numerosi potenziali benefici per la salute.

Miti che sentiamo spesso quando parliamo di kombucha:

Questo
non è un mito.

1. Il kombucha è una bevanda tonificante

Molte persone trovano che il kombucha sia rinvigorente grazie alle sue qualità rinfrescanti ed effervescenti. Tuttavia, questo rinvigorimento non è legato solamente al contenuto di caffeina nel tè. È più legato alla combinazione complessiva del sapore della bevanda, della carbonatazione naturale e del potenziale di lieve stimolazione derivante dal suo contenuto di caffeina. Gli effetti tonificanti del Kombucha sono generalmente più lievi di quelli di una tazza di caffè, ma alcune persone avvertono un senso di maggiore energia o prontezza dopo averlo consumato.

Questo
non è un mito.

2. Il kombucha è la fonte perfetta di probiotici

L’idea che il kombucha sia la fonte “perfetta” di probiotici rispetto a tutti gli altri alimenti fermentati è oggetto di dibattito. Sebbene il kombucha contenga probiotici e abbia potenziali benefici per la salute, non è necessariamente superiore a tutti gli altri alimenti fermentati in termini di contenuto di probiotici o benefici per la salute generale. La scelta della migliore fonte di probiotici dipende dalle preferenze individuali e dagli obiettivi di salute, e ci sono anche molti altri alimenti fermentati che sono ottime fonti di probiotici.

Il kefir, ad esempio, è spesso considerato una fonte più affidabile di probiotici poiché contiene ceppi specifici di batteri benefici noti per supportare la salute dell’intestino.

Questo è
un mito.

3. Il kombucha ha alti livelli di zucchero

Lo zucchero utilizzato per preparare il kombucha viene consumato durante il processo di fermentazione. Al termine della fermentazione rimane pochissimo zucchero, circa 2,5 g in 250 ml. In confronto, la stessa quantità di cola contiene circa 30 g di zucchero.

Tuttavia, il kombucha acquistato in negozio può variare in termini di contenuto di zucchero e additivi, a seconda della marca e del prodotto specifico. Alcuni kombucha acquistati in negozio possono avere zuccheri aggiunti o aromi artificiali, mentre altri danno priorità agli ingredienti naturali e a un contenuto di zucchero inferiore. È importante leggere le etichette e l’elenco degli ingredienti per fare una scelta informata. Il kombucha fatto in casa consente un maggiore controllo sugli ingredienti e sul processo di fermentazione, rendendolo una buona opzione per coloro che vogliono limitare zucchero e additivi nella propria dieta.

Questo è
un mito.

4. Il kombucha ha alti livelli di alcol

Il kombucha è una bevanda fermentata e durante il processo di fermentazione possono essere prodotte piccole quantità di alcol. Tuttavia, per essere considerato analcolico, il kombucha prodotto commercialmente deve generalmente avere una gradazione alcolica inferiore allo 0,5% di alcol in volume (ABV).

Molte bevande alcoliche come birra, vino e liquori hanno un contenuto alcolico molto più elevato, che in genere varia dal 3% ABV per le birre leggere al 40% ABV o più per gli alcolici. Quindi, sebbene il kombucha contenga alcol, di solito è in concentrazioni molto basse e non sono sufficienti a causare intossicazioni. Tuttavia, è essenziale essere consapevoli del contenuto di alcol, soprattutto per le persone che hanno bisogno di evitare completamente l’alcol per motivi di salute o personali.

La gradazione alcolica nel kombucha fatto in casa può variare in base a diversi fattori, tra cui il tempo di fermentazione, la temperatura e l’attività del lievito. Se si lascia che il processo di fermentazione continui per un periodo prolungato o se le condizioni sono favorevoli allo sviluppo del lievito, il contenuto alcolico nel kombucha fatto in casa può aumentare leggermente al di sopra della soglia commerciale tipica dello 0,5%. Per stare sicuro, puoi misurare il livello di alcol con un rifrattometro.

Kombucha miti e leggende: conclusioni

Per concludere, quando si parla di kombucha, ci troviamo di fronte ad un mix di fatti e miti. Alcune cose che le persone credono riguardo a questo tè fermentato sono vere, mentre altre no. Il kombucha ha una lunga storia e può farti bene, diventando una scelta unica e gustosa alle tue bevande. Quindi divertiti a fermentarlo a casa ed a sfatare i miti e le leggende sul kombucha.

Prodotti consigliati da questo articolo sul kombucha:

Ricordati che la spedizione è gratuita per tutti gli ordini maggiori di €50!

Gianluca Guerra
Gianluca Guerra
Articoli: 20

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *